banner associazione la bassa
copertina Volando con la luna

Volando con la luna

di Elvia Perosa Ganzerli

…In questa produzione si coglie il senso ludico che ha animato l'Autrice quando li ha composti e sembra anche di vedere volti di bambini atteggiati allo stupore e al sorriso.

Ben diversa e, per certi aspetti molto più affascinante, è la ricchezza della sua personalità con le sfaccettature e le iridescenze che le sono proprie quando dalla professione o dalle attività ad essa connesse, si incammina, in punta di piedi e talvolta con molta sofferta sincerità, nelle stanze della propria intimità.

Elvia Perosa da alcuni anni colloquio con se stessa, affidando alle parole scritte la profondità del suo essere. Sono - come ella scrive - “Arabeschi / i percorsi /dei nostri desideri /nascosti./ Labirinti / la strada / dei nostri pensieri /sconosciuti...”.

Il lettore può immaginarla nel silenzio della notte, quando, cessati gli incontri e salutati i collaboratori o gli amici, ella si sente avvolta dalla quiete e dalla tranquillità ed è sola finalmente con se stessa.

Lo dice espressamente in una sua breve lirica: “Il sole è tramontato / caduta la sera / resto in compagnia /dei miei pensieri”.

Allora, piuttosto che coricarsi e riposarsi per la stanchezza accumulata attraverso le tante attività del giorno che ha svolto senza risparmio alcuno, accende il computer: inizia così un fervido colloquio interiore, mentre sullo schermo incominciano a delinearsi i pensieri, i versi, le riflessioni e le descrizioni di ciò che il suo animo le detta.

In questo modo ella intende sottrarre alla dissolvenza del tempo e affidare alla memoria della parola scritta quelle esperienze profonde che hanno segnato i momenti importanti della sua quotidianità o anche le semplici impressioni di un momento particolarmente fecondo.

Lo fa utilizzando codici linguistici differenti, quali l'italiano, il francese (che per lei è diventato lingua familiare), il friulano nella varietà della Bassa, l'inglese, il dialetto veneto e persino il tedesco e il latino soprattutto per dare maggior risalto al contesto in cui si sono manifestati gli eventi o sono maturate le emozioni che l‘hanno ispirata.

Spesso le composizioni riportano in calce non solo la data, ma soprattutto il luogo in cui sono state concepite e scritte…

(Dall'introduzione di Odorico Serena).